Conferenza “Spezzare il vincolo dell’alienazione genitoriale” – 8 e 9 maggio 2015

bakerSpezzare il vincolo dell’alienazione genitoriale: strumenti ed interventi psico-giuridici

Venerdì 8 Maggio 2015 ore 15.00 – 18,00 Sala Rosa della Regione – p.zza Dante, Trento

Sabato 9 Maggio 2015,  ore 9.0  a Bolzano presso il Centro Parrocchiale Duomo, Sala B in piazza Parrocchia 24

  • L’ordine degli avvocati di Trento ha concesso 3 crediti formativi.
  • L’ordine degli avvocati di Bolzano ha concesso 2 crediti formativi
  • Sono stati richiesti i crediti all’Ordine degli Assistenti sociali

 Con il patrocinio del Comune di Trento.

 

Programma

Ore 15.00

Accoglienza e registrazione dei partecipanti

Ore 15.15

Apertura dei lavori. L’importanza della co-genitorialità Dott.ssa Leopoldina Benini, Servizio Politiche sociali, Provincia Autonoma di Trento

Ore 15,40

Modelli di intervento nei casi di alienazione genitoriale: considerazioni psicologico-cliniche. Prof.ssa Maria Cristina Verrocchio, Psicologa-Terapeuta, ricercatrice di Psicologia Clinica, Professoressa aggregata di psicologia Clinica Forense presso l’Università di Chieti

Ore 16,30

Strumenti giuridici a garanzia della bigenitorialità Avv. Monica GALASSO – Camera Nazionale Avvocati per la Famiglia ed i minorenni, sede di Pescara, Componente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Pescara

ore 17,15

Discussione

 

Contenuti della conferenza

Ogni figlio ha bisogno e diritto all’apporto di entrambi i genitori.

In casi di separazione coniugale si verificano frequentemente situazioni in cui un figlio manifesta un rifiuto ingiustificato ad incontrare un genitore fino al determinarsi di prolungate (se non definitive) interruzioni della frequentazione. In ambito psicologico clinico forense i professionisti definiscono tale fenomeno “Sindrome di Alienazione Genitoriale”, diagnosi contestata da alcuni autori in quanto favorisce esclusivamente una descrizione sintomatologica del bambino, separandola da ogni legame eziologico.

Attualmente, dopo anni di accesi dibattiti inerenti questioni definitorie di tale fenomeno, anche nel nostro paese appare prioritario e indifferibile concentrarsi sull’attuazione di interventi adeguati che possano favorire il ripristino di relazioni drammaticamente spezzate tra genitori e figli. Casi tragici finiti sui mass media, sensibilizzazioni stimolate da associazioni di genitori alienati, convegni e studi scientifici hanno dato voce alla sofferenza di tutti quei figli costretti a rinunciare a un genitore e dunque a una parte di sé.

La conferenza si articolerà partendo dall’illustrazione dei principali risultati della ricerca scientifica, nazionale e internazionale, sui problemi di internalizzazione ed esternalizzazione sviluppati da bambini che hanno vissuto situazioni di alienazione genitoriale che favoriscono lo sviluppo di outcomes negativi in età adulta. Sarà descritta la teoria, ampiamente supportata da dati empirici, che concepisce l’alienazione come una forma di maltrattamento psicologico.

Nella seconda parte, si evidenzierà l’attuale situazione di impasse in cui ci si trova in Italia rispetto all’intervento da attuare nei casi di alienazione genitoriale, enucleando le difficoltà dei professionisti che operano sia nel campo della giustizia sia in quello della tutela dei minori. Saranno quindi presentati i più diffusi modelli di intervento internazionali, scientificamente accreditati, con l’intento sia di stimolare riflessioni su alcuni temi critici sia di diffondere buone pratiche già sviluppate in altri paesi. Quali di questi interventi potrebbero essere esportati in Italia? In che modo è possibile diffondere ed esportare buone pratiche? La riflessione sulla eventuale adozione di modelli di intervento internazionali nel nostro paese dovrà basarsi necessariamente sulle importanti differenze normative, socio-culturali e politico-assistenziali. A tal proposito saranno illustrati gli strumenti processuali a garanzia della bigenitorialità e del corretto esercizio della responsabilità genitoriale al fine di assicurare la tutela (rapida ed effettiva) del superiore interesse del minore, anche alla luce della più recente giurisprudenza di legittimità e della CEDU.

Tutte le iniziative future dovranno essere contestualizzate al nostro sistema giuridico e sociale e finalizzate all’attuazione di interventi in grado di rispondere adeguatamente ai bisogni di questi bambini dimenticati che spesso subiscono ulteriori vittimizzazioni derivanti da interventi inutili e fallimentari.

Informazioni Generali

La conferenza è organizzata dall’Associazione Figli per Sempre Trentino Alto Adige con il contributo della Provincia Autonoma di Bolzano-Agenzia per la Famiglia e il patrocinata dalla Regione Trentino Alto Adige- Sudtirol.

L’Ordine degli Avvocati di Trento ha accreditato l’evento con 1 Credito Formativo per ciascuna ora di conferenza.

La partecipazione è gratuita.

Iscrizioni

E’ gradita l’iscrizione tramite E-Mail presso l’indirizzo figlipersempretnbz@gmail.com indicando nell’oggetto ”iscrizione conferenza 08.05.2015”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *